Articoli

Vogliamo concludere il discorso?

La chiusura di un discorso è una fase non meno delicata delle precedenti,come apertura e corpo del discorso, anche perché gli ultimi momenti sono quelli che resteranno più impressi nella memoria di chi ascolta.

Lo so che tra il Black Friday e altro mi sono concesso qualche digressione, ma non dimentico dove eravamo rimasti!
Eccoti sei lì, sei partito alla grande, hai esposto i tuoi contenuti, e adesso devi tirare le reti in barca e riavvicinarti alla riva!
Una buona chiusura del discorso è fondamentale per assicurare che tutto ciò che è stato trasmesso sia stato realmente assimilato.
Anche la fase di chiusura prevede uno specifico iter e delle strategie per rendere la performance più efficace.
Andiamo con le tips!
Per rendere una chiusura più incisiva lo speaker ha l’opportunità di:
– sottolineare gli obiettivi conseguiti durante un percorso condiviso con l’uditorio in modo da evidenziare i risultati ottenuti;
– riconoscere il contributo del pubblico e il merito dei partecipanti nel raggiungimento degli obiettivi;
– riconfermare il piano d’azione definito e condiviso

La fase di chiusura comprende il sommario e il piano di azione.
Durante la trattazione gli argomenti discussi sono molteplici, così come gli esercizi, le simulazioni, gli aneddoti, per questo è importante che il relatore riassuma i momenti salienti del suo discorso, ripercorrendone gli step principali.

Possiamo affermare che la chiusura di un discorso sia una fase delicata almeno quanto l’incipit, questo perchè ricerche sul campo hanno dimostrato che l’inizio e la chiusura sono i momenti in cui l’attenzione del pubblico è più alta.
La chiusura non può essere certo improvvisata, deve anzi essere introdotta, anticipata e condotta senza velocizzare eccessivamente i tempi, né accorciandoli. Quel che è certo è che la chiusura deve lasciare un’emozione.
Riassumiamo ora alcuni suggerimenti per chiudere un discorso in pubblico:
Proporre un piano d’azione: abbiamo già visto l’importanza dell’invito a fare qualcosa, iniziare un progetto, intraprendere un percorso,etc;
ricapitolare il discorso facendo presente i passaggi più importanti;
utilizzare una metafora o un piccolo racconto per accompagnare l’uditorio verso la conclusione;
fare una domanda retorica per invitare l’uditorio a sviluppare delle riflessioni sugli argomenti trattati;
proporre una visione d’insieme per condividere una riflessione sugli argomenti trattati;
fare ringraziamenti e rendere partecipe il pubblico nel raggiungimento degli obiettivi.
lanciare un video: lasciare come ultimo ricordo un’immagine impattante o carica di significato;
fare una citazione: per concludere affidarsi alle parole di autori la cui autorevolezza sia riconosciuta.

Ho finito…ma solo per oggi!
Torno presto, nel mentre sai dove devi andare?

Fai un salto qui Come Comunicare in Pubblico!

Cosa c’entra Maslow con il mio discorso?

Da un discorso a un altro, tanto per rimanere in tema di discorsi, oggi voglio fare una piccola digressione, a proposito dell’argomento trattato nel mio ultimo post sull’uditorio.
Ti ho citato i bisogni, quello che spinge le persone a fare una cosa piuttosto che un’altra e, nel caso di un discorso, sia esso pubblico o privato, il bisogno di chi ti ascolta ha un ruolo importante nella riuscita della comunicazione.

Vado nel tecnico, alle volte è necessario!
Vediamo nel dettaglio la tipologia di bisogni di cui parliamo.
Sai che figata riuscire a individuare le esigenze di chi hai davanti?

Praticamente il 40% del lavoro è fatto!
Hai presente quel tipo che per primo tirò fuori la faccenda dei bisogni?

Ebbene sì, un certo Maslow, che si è messo lì ad analizzare quello che spinge le persone verso l’azione e ha individuato vari livelli di bisogni.

Ecco, oggi voglio fare una pausa dall’analisi tecnica del discorso (ma non ho finito, sappilo) e voglio soffermarmi proprio sui bisogni per capire il legame tra quello che dice lui, Maslow, e quello che mettiamo in atto quando parliamo.

Al primo livello troviamo un bisogno basic, ancestrale: quello di sopravvivenza. Per quanto possa sembrare assurdo, possiamo dire che anche l’uditorio ha, in un certo senso, come primo bisogno, quello di sopravvivere in aula o in riunione, nel senso che si deve lavorare affinché si verifichino tutte le condizioni per farlo stare comodo e a proprio agio, non solo considerando la cura della location di cui abbiamo già parlato, ma anche considerando l’accoglienza, la possibilità di fare più intervalli per un break o per sgranchire un po’ le gambe, per prendere una boccata di aria e di luce, per scambiare qualche parola con i colleghi partecipanti.
Seguendo sempre l’impostazione della piramide dei bisogni di Maslow, potremmo rintracciare nei bisogni dell’uditorio anche il bisogno di sicurezza, di essere rassicurato dal relatore circa gli obiettivi del progetto, l’efficacia riscontrata nelle tecniche spiegate, la possibilità di chiedere delucidazioni anche in un secondo momento via mail, etc.
Anche l’esigenza di appartenenza, terza nella piramide di Maslow, non è estranea alle dinamiche dell’aula.
Molto importante infatti che il gruppo si senta aggregato, potrebbe accadere che i partecipanti non provengano dalla stessa azienda o, addirittura, dallo stesso settore, è dunque compito del relatore lavorare sul loro denominatore comune e creare un senso di appartenenza al gruppo in ognuno dei partecipanti.
Al quarto livello abbiamo il bisogno di stima personale, un aspetto molto importante nella dimensione sociale della vita di una persona adulta.
Le persone presenti durante un nostro discorso pubblico difficilmente apprezzeranno un atteggiamento in stile padre/figlio, un rapporto di subordinazione tra il relatore e il pubblico, per questo è importante spiegare i contenuti con autorevolezza ma trattando l’uditorio alla pari, senza tener conto della distanza di ruolo e delle diverse categorie o livelli professionali presenti in aula.
Il relatore, anche se massimo esperto nella conoscenza degli argomenti trattati, deve protendere verso l’autorevolezza piuttosto che verso l’autorità.
Può essere molto controproducente l’atteggiamento opposto, ovvero un relatore che sminuisce la propria figura o addirittura competenza sull’argomento esordendo con frasi del tipo” non sono certo di riuscire ad essere chiaro in questa cosa…” oppure: “non sono la persona più adatta per guidarvi in questo percorso…”, un atteggiamento sminuente non solo contribuisce alla creazione di un’opinione negativa sul relatore da parte dell’uditorio ma darebbe a ogni partecipante la sensazione di sentirsi preso in giro nel perdere tempo dietro ad un incompetente!
Al vertice della piramide di Maslow c’è il bisogno di autorealizzazione, quello che è mosso dal desiderio di crescita e sviluppo personale.
Hai presente quella sensazione magnifica che si prova quando senti che sei nel pieno di te, che stai dando e ricevendo il meglio e te lo sei anche meritato?
Ecco. Quella roba lì!

Ora ti do appuntamento al prossimo post, ma prima fai un salto qui!

Dietro le quinte del 14° Corso Istruttori Apnea Academy

Se non conosci l’apnea … DOVRESTI …
Non uso parole forti apposta, è la verità: ti cambia la vita.

Ora sono un istruttore di apnea e faccio parte del team di Umberto Pelizzari che forma nuovi istruttori, trattengo il fiato per più di 5 minuti e frequento persone che hanno battuto record del mondo (Umberto Pelizzari, Mike Maric, Andrea Zuccari, etc..), ma non è sempre stato così.
8 anni fa non sapevo trattenere il fiato per più di 30 secondi, poi ho conosciuto i miei due mentori, o meglio, i miei due primi istruttori: Marco (il Cicco), commercialista che si districa tra acquisizioni e gestioni di grandi aziende, e Albe (Alberto) sub di Carabinieri che ha un coraggio impensabile … con una passione in comune: trattenere il fiato e scendere nel blu, nel profondo blu … stiamo parlando di persone che superano i 50 metri di profondità, SENZA BOMBOLE !!!! CON UN SOLO RESPIRO!!!
Il Cicco e Albe, mi hanno fatto appassionare ad un sport, estremo. Ci sono riusciti anche con me, che ho problemi di respirazione, che desidero sempre il confronto…
Ed invece mi sono trovato catapultato in una realtà differente, dove non conta quanto sei forte o fisicato, ma conta quanto usi la testa e gestisci le tue emozioni…
Chi mi segue sa che di sport ne ho sempre fatto tanto, ma non ho mai riscontrato un così forte legame tra gestione personale e performance immediata come in apnea.
Per far appassionare all’apnea devi saperla spiegare e far vivere…ed è per questo che durante la “formazione nuovi istruttori” si dedica tempo ed energia a capire come sviluppare una lezione efficace.

Quindi ti racconto quello che ho fatto con un team fantastico!

Ma…partiamo dall’inizio e soprattutto capiamo perché mi sono immerso (mai termine fu più calzante) in questa bellissima esperienza al 14° Corso Istruttori di Apnea Academy, guidata e rappresentata da Umberto Pelizzari, a Lignano Sabbiadoro.

Ti stai chiedendo cosa c’entro io con tutto questo?
Fai bene!
Ora ti chiedo io una cosa: ti occupi anche tu di attività sportive e devi tenere lezioni teoriche?
Sei un allenatore, un istruttore, un personal trainer, un professionista in attività molto pratiche e dinamiche e devi tenere lezioni teoriche sul tuo argomento?
Non ti viene facile, è normale!
Ecco qui a cosa servo io!

Molto spesso capita che chi si occupa di attività sportive sia poi chiamato a insegnare le nozioni teoriche di queste attività, e, siccome a ognuno il proprio lavoro, capita altrettanto spesso che non si abbiano le competenze per farlo.

E qui entro in gioco io: è necessario strutturare una lezione efficace di teoria per facilitare l’apprendimento dei propri discenti.
Per impostare una lezione di teoria su tematiche sportive è fondamentale tenere in considerazione alcuni elementi.

Ecco i miei consigli per programmare la tua lezione di teoria su tematiche sportive:

  • Tieni in considerazione il tempo: ti stai rivolgendo a persone che più di chiunque altro scandiscono le loro attività attraverso la misurazione del tempo. Evita di oltrepassare i 35/40 minuti. Gli sportivi vivono nel dinamismo, non hanno una grande familiarità con contesti statici, sono abituati ad azioni che richiedono velocità, la loro modalità di apprendimento deve essere in linea con il loro stile di vita e di lavoro.
  • Rendi la lezione molto interattiva: partecipazione, condivisione, scambio. Stai parlando con degli sportivi, alcuni dei quali agiscono in dinamiche di squadra, e in caso contrario hanno comunque un avversario: una squadra avversaria, il tempo, una prestazione con un certo livello di difficoltà.
  • Riporta esempi: è fondamentale che i discenti si possano immedesimare in quel che dici. Utilizza un linguaggio multiensoriale – visivo, auditivo, cinestetico- che faccia immergere chi ti ascolta in quel che dici per ottenere un livello di interesse e di coinvolgimento elevatissimo.
  • Crea un discorso che abbia una struttura efficace: devi trasferire il tuo messaggio con esattezza e precisione, non puoi permetterti di sbagliare. Ogni discorso strutturato efficacemente si articola in 3 parti: apertura, corpo, chiusura. Nell’apertura introduci quello che dirai soffermandoti sul perché lo dirai, quindi è la parte del discorso deputata a motivare il contenuto. Il corpo contiene quello che dirai: il contenuto vero e proprio. In chiusura ribadisci quello che hai detto e condividi con i tuoi interlocutori l’importanza di quel contenuto.

Memorizza bene questi punti fondamentali e non sbaglierai un colpo!
Vuoi approfondire la costruzione di un discorso efficace?
Sei nel blog giusto!
Fai un salto qui
Grazie mille allo splendido gruppo del Corso Istruttori Apnea, capitanato e rappresentato da Umberto Pelizzari, per aver condiviso questa bellissima esperienza con me!

Metti te stesso nel tuo discorso!

Il tuo discorso è pronto, conosci il tuo target, sei a tuo agio nella location, hai padronanza degli argomenti.
Sai come iniziare, come sviluppare e come accompagnare l’uditorio verso la conclusione, tutto è sotto controllo.
Ti chiederai allora dove io voglia andare a parare, arrivo dritto al punto: non dimenticarti di te stesso!
Che si parli di Media Training, di Public Speaking, di Comunicazione d’Impatto, quello che non puoi permetterti di trascurare per rendere autentico, e più efficace, il tuo discorso è la personalità!
L’obiettivo dello speaker, oltre naturalmente quello di trasmettere efficacemente i contenuti che espone, è quello di risultare brillante in una performance davanti ai propri interlocutori.
Quali sono dunque i requisiti fondamentali per risultare brillante agli occhi del tuo pubblico?

Eccoli:
· Personalità
· Humor
· Entusiasmo

Per poter contare sulla tua personalità durante un discorso in pubblico è fondamentale averne consapevolezza e sapere su quali aspetti del carattere puoi investire.
È importante esprimersi davanti al pubblico con naturalezza e disinvoltura come se ti trovassi in un ambiente familiare, questo rende più efficace l’esposizione dei contenuti in quanto si superano eventuali barriere tra lo speaker e l’uditorio. La distanza tra lo speaker e il pubblico può rappresentare un serio ostacolo alla riuscita dell’esposizione in quanto rende poco partecipativo il pubblico e di conseguenza poco vivace l’intera situazione.
Anche lo humor è un aspetto che può fare la differenza nella relazione con l’uditorio se utilizzato con moderazione e solo quando si è sicuri di averlo!
Suggerimenti:
· Ricorrere all’umorismo solo se è un aspetto che ti appartiene davvero, se non fa per te meglio evitare e puntare su altri aspetti del tuo carattere;
· Utilizzarlo in maniera spontanea se e quando le situazioni ne creino l’opportunità;
· Se il programma da presentare prevede un aneddoto umoristico è fondamentale che questo sia collocato all’interno di un contesto logico per rafforzarne il messaggio;
· Evitare di inaugurare la presentazione con una battuta umoristica, è importante che l’incipit si concentri sull’obiettivo.
Nella fase di apertura il pubblico potrebbe non essere pronto, tieni sempre ben presente che nei primi secondi l’uditorio si sta costruendo un’idea di te, è in quel momento che stai definendo la tua credibilità professionale e l’atmosfera non è ancora così disinibita da poter coinvolgere il pubblico con battute.
L’entusiasmo è uno strumento con un potenziale molto decisivo: è l’autentica forza della comunicazione.
L’entusiasmo è la capacità di trasmettere ai tuoi interlocutori la convinzione in ciò che stai comunicando. L’entusiasmo è ricco di energia che, attraverso gesti, toni di voce, contatto visivo, conferisce una forza incredibile al messaggio e si trasforma in energia mentale.
L’entusiasmo può essere efficace ad una sola condizione: che realmente credi in ciò che stai facendo!

Vuoi acquisire gli strumenti necessari per avere il tuo discorso sotto controllo?
<<<<clicca qui>>>